Seleziona una pagina
Bentota

Bentota

Bentota è una città costiera in Sri Lanka , che si trova nel distretto di Galle della provincia del sud , governato da un Consiglio urbano . Si tratta di circa 65 chilometri (40 miglia) a sud di Colombo e 56 chilometri (35 miglia) a nord di Galle . Bentota è situato sulla riva meridionale del fiume bocca Bentota, ad un’altezza di 3 metri (9,8 ft) sopra il livello del mare. Il nome della città deriva da una storia mitica che sostiene un demone di nome ‘Bem’ governato la banca tota o fiume.

Bentota

Trincomalee

Trincomalee

Trincomalee è una città della costa nord-orientale dello Sri Lanka di 101.958 abitanti. La città è costruita su una penisola, che divide il porto interno da quelli esterni. È uno dei centri più importanti della cultura di Lingua Tamil del paese. In passato la città era chiamata Gokanna, ed è stato un porto che ha avuto un ruolo fondamentale nella storia commerciale marittima dello Sri Lanka.

Il porto della Baia di Trincomalee è noto per la sua larghezza e sicurezza. A differenza di altri porti dell’Oceano Indiano, è accessibile alle navi di qualunque dimensione. Le spiagge sono usate per il surf, la pesca e l’avvistamento di balene. La città ha anche il più grande forte olandese dello Sri Lanka. È sede sia della più grande base navale del paese che di una base aerea della Sri Lanka Air Force.

Trincomalee

Colombo

Colombo

Colombo è una città ed ex-capitale dello Sri Lanka; conta circa 600.000 abitanti (oltre 2 milioni considerando l’agglomerato urbano). Capitale fino al 1978, quando le funzioni amministrative sono state trasferite a Sri Jayawardenapura Kotte, distante otto chilometri, è di gran lunga la città più importante dello stato dal punto di vista economico e commerciale, oltre ad essere la più popolata.

Colombo era già conosciuta dai mercanti romani, cinesi e arabi oltre 2000 anni fa.

Gli arabi la occuparono nell’VIII secolo, controllando buona parte del traffico tra i regni singalesi dell’interno e il resto del mondo. Nel XVI secolo i portoghesi scacciarono i musulmani e costruirono nella città una fortezza per proteggere il commercio delle spezie.

Colombo

Lombok

Lombok

Lombok è un’isola indonesiana che fa parte dell’arcipelago delle Piccole Isole della Sonda, anche chiamate Nusa Tenggara (isole sud-orientali). Lo stretto di Lombok la separa dall’isola di Bali a ovest mentre lo stretto di Alas dall’isola di Sumbawa a est. A nord ovest della costa di Lombok c’è un arcipelago di 3 piccole isole, le Isole Gili.

La capitale amministrativa e la città più grande dell’isola è Mataram. Nel 2010 l’isola possedeva una popolazione di 3,167,000 abitanti.

Il punto più alto è il vulcano Rinjani a 3.726 metri sul livello del mare.

Possiede spiagge meravigliose, in modo particolare sulla costa sud ed è circondata da una trentina di piccole isole.

L’isola è a maggioranza musulmana ma nella parte occidentale sono presenti diversi siti induisti e terrazze di risaie costruiti nel ‘700 dai vicini balinesi.

Nel 2011 ha aperto il primo aeroporto internazionale, nei pressi di Praya.

Giacarta

Giacarta

Giacarta (in indonesiano Jakarta o DKI Jakarta, già Batavia, Jayakarta, Djakarta) è la capitale e la principale città dell’Indonesia. Situata sulla costa nordoccidentale dell’isola di Giava, ha una superficie di 661,52 km² e una popolazione di 10 075 310 abitanti (2014).Giacarta è situata sulla costa nord-occidentale dell’isola di Giava, presso la foce del fiume Ciliwung presso la Baia di Giacarta, che è una insenatura del Mar di Giava. Giacarta sorge in una depressione con un’altezza media all’incirca di 7 metri sul livello del mare. In base al decreto governativo 171/2007, l’area della provincia di Giacarta consiste di 662,33 km di terre e 6,977 km di acque; inoltre essa consta di più di 110 isole che si dipanano per tutto il Kepulauan Seribu e di 27 fiumi usati come risorsa idrica, per la pesca e per l’economia urbana. La stragrande maggioranza dei fiumi decorre dalle parti collinari a sud della città verso nord per sfociare nel Mar di Giava. Il fiume più importante è il Ciliwung, che divide la città in una zona est e una zona ovest.

Giacarta

Bali

Bali

Bali è un’isola dell’Indonesia con una superficie di 5 561 km² e una popolazione di 4 298 000 abitanti (2014). Fa parte dell’arcipelago delle Piccole Isole della Sonda ed è separata dall’isola di Giava dallo stretto di Bali. Amministrativamente è una provincia, con capoluogo la città di Denpasar, è l’unica provincia a maggioranza induista.

Bali è la più importante meta turistica indonesiana.

Abu Dhabi

Abu Dhabi

Abū Dhabī o, per chi non voglia ricorrere alla traslitterazione inglese, più correttamente Abu Ẓaby, è la capitale degli Emirati Arabi Uniti e capoluogo dell’emirato omonimo.Abu Dhabi si trova su un’isola a forma di T che si protende nel Golfo Persico dalla costa centro-occidentale. Nel 2014, la città vera e propria contava una popolazione di 1,5 milioni.

La città fu fondata nel 1791 dalla tribù beduina dei Banū Yās, che avevano occupato la regione, lasciando il Najd poiché in contrasto con i wahhabiti dell’Arabia.

Abu Dhabi ospita uffici del governo federale, è la sede del governo degli Emirati Arabi Uniti, sede della famiglia degli Emiri di Abu Dhabi e del Presidente degli Emirati Arabi Uniti, che proviene da questa famiglia. Il suo rapido sviluppo e l’urbanizzazione, accoppiata con il relativamente alto reddito medio della sua popolazione, ha trasformato la città in una grande e avanzata metropoli. Oggi la città è il centro del paese nelle attività politiche e industriali, oltre ad essere un importante centro culturale e commerciale. Abu Dhabi rappresenta circa i due terzi dell’economia degli Emirati Arabi Uniti con circa 400 miliardi di dollari statunitensi.

Abu Dhabi è la quarta città più cara per i lavoratori spatriati nella regione, e nel 2014 è stato il 68ª città più costosa al mondo.

Abu Dhabi

Ras al-Khaima

Ras al-Khaima

Ras al-Khaima è uno dei sette emirati che compongono gli Emirati Arabi Uniti. Si affaccia sul Golfo Persico ed è vicino all’emirato di Umm al-Qaywayn.

L’8 agosto 2009 Alinghi, il defender della Coppa America, scelse questo emirato come prossima sede dell’America’s Cup. Successivamente Alinghi fu costretta a rinunciare ad organizzare la manifestazione in questo emirato dopo la sentenza della Corte Suprema di New York del 27 ottobre 2009.

Ras al-Khaima

Sliema

Sliema

Sliema (in maltese Tas-Sliema) è una città maltese situata sulla costa nord-est dell’isola, pochi chilometri a nord rispetto a La Valletta.

Sliema deve il suo nome ad una cappella dedicata alla Vergine Maria con il titolo di Star of the Sea/Stella del mare, che funge da segnale e punto di riferimento per i pescatori che vivono nell’area. Il nome potrebbe essere connesso con le prime parole della preghiera Hail Mary (Ave Maria), che in Maltese è “Sliem Għalik Marija”. Sliem è una parola maltese che significa “pace”.

Dai tempi del Grande saccheggio di Malta (1565) il-Qortin, com’era conosciuta, era un accampamento delle truppe dell’Impero ottomano.

La città iniziò a svilupparsi velocemente verso la fine del XIX secolo come luogo di villeggiatura per la classe benestante di La Valletta, che costruirono qui le loro case per le vacanze. Le fabbriche vennero man mano abbandonate e nel 1990 riconvertite in giardino, ora conosciuto come Ġnien Indipendenza.

Sliema

San Giuliano

San Giuliano

San Giuliano (in maltese San Ġiljan; in inglese St. Julian’s) è una città maltese situata lungo la costa, a nord della capitale La Valletta, conosciuta per il turismo basato su locali notturni e ristoranti accentrati nell’area detta Paceville.

Prima del 1800 l’area oggi occupata da San Giuliano era praticamente deserta, fatta eccezione per il “Palazzo Spinola”, la vecchia chiesa e alcune case dei pescatori del posto.

Nonostante questo nella zona di Mensija vennero trovate tracce di carri risalenti all’Età del Bronzo, nel distretto di Tal-Ballut (nel sito ora occupato dalla Cappella del Convento del Sacro Cuore) vennero identificate tombe risalenti all’epoca romana e a ta’ Cieda, dove oggi è situata Triq il-Korvu (Cappara), vennero trovate rovine di una torre romana e di una zona di sepoltura saracena.

San Giuliano

La Valletta

La Valletta

La Valletta (in maltese Il-Belt Valletta) è la capitale di Malta.

Fu fondata nel 1566 dai Cavalieri Ospitalieri, che le diedero il nome del loro gran maestro Jean de la Valette: precisamente essa venne chiamata, in latino, Humilissima Civitas Valettae (“L’umilissima città di Valletta”). In maltese è conosciuta come Il-Belt e La città.

Nel 2018 La Valletta sarà Capitale europea della cultura assieme a Leeuwarden.

La città è situata sulla costa settentrionale su di una penisola rocciosa che sorge tra due ampie insenature in cui sono situati i porti della città: Porto Grande (ribattezzato dagli inglesi Grand Harbour) e Porto di Marsamuscetto (Marsamxett Harbour).

La Valletta

Gozo

Gozo

Gozo (in maltese Għawdex, in italiano anche Gozzo) è la seconda isola (per superficie) dell’arcipelago delle Isole Calipsee, compreso nella regione fisica italiana. L’isola di Gozo è situata a 4 km a nord-ovest dell’isola di Malta, ed, essendo priva di scali aerei, fa riferimento all’Aeroporto di Malta. Dal punto di vista amministrativo costituisce, assieme a Comino e ad isolotti minori, la Regione di Gozo.

L’isola venne chiamata dai greci gaulos (in greco una specie di naviglio rotondo) e dai romani gaulum (in latino coppa), per via della sua particolare forma. Gli arabi ne alterarono successivamente il nome in ghaudex.

Monastir

Monastir

Monastir in arabo‎, al-munastîr, (dal latino monasterium), è una città della Tunisia che si trova sulla estremità meridionale del Golfo di Hammamet, a circa 160 km a sud di Tunisi. Capoluogo del governatorato omonimo, è uno dei principali centri del Sahel tunisino.

Nel luogo ove sorge oggi Monastir, nel I millennio a.C. i Fenici fondarono il porto di Rous Penna. Nel 146 a.C. con la sconfitta di Cartagine dopo la Terza guerra punica, i Romani presero il controllo della città che fu rinominata Ruspina. Nel periodo della dominazione romana furono edificate le mura di cinta e le terme di cui restano ancora le tracce. Durante la guerra civile tra Cesare e Pompeo fu teatro di un’importante battaglia, la Battaglia di Ruspina, combattuta il 4 gennaio del 46 a.C., fra le forze di Giulio Cesare e un esercito pompeiano guidato da Tito Labieno. In quella occasione Cesare fu sconfitto e perse quasi un terzo del suo esercito.

Dopo la conquista araba Monastir è stata una delle città costiere sviluppate dagli Aghlabidi durante il IX secolo. La città contiene i resti di tre ribat, di cui il più importante è il grande ribat di Harthma ibn A’iyan costruito nel 796 d.C. con funzioni militari e religiose. Gli Ottomani rafforzano ulteriormente la città facendone una loro roccaforte.

Monastir

Port El Kantaoui

Port El Kantaoui

Port El Kantaoui è un complesso turistico di 10 chilometri a nord di Sousse città, nel centro della Tunisia . E ‘stato costruito nel 1979 appositamente come centro turistico,intorno a un grande porto artificiale che fornisce ormeggio con 340 posti barca per yacht di lusso, che ospita attività sportive da sci d’acqua al parapendio, e diversi campi da golf. Il 36 buche PGA approvato corso di campionato rende Port El Kantaoui una destinazione popolare per giocare a golf.

L’architettura, anche se moderna e un bianco abbagliante, è stato modellato sugli edifici più tradizionali in Tunisia, complete di strade strette e archi. Gli alberghi che costeggiano la spiaggia si estendono da Sousse stessa lungo miglia di scintillante mare pulito al porto di Port El Kantaoui ea nord del porto.

Nello stile, l’area portuale di Port El Kantaoui è concepito come un bianco e blu villaggio in stile tunisino con riprodotte quarto medina e strade di ciottoli. È popolare con il pacchetto vacanze visitatori, famiglie e visitatori la prima volta, tuttavia il suo paesaggio ampio e distacco dal vero Tunisia porta critici; in particolare la Rough Guide ha descritto Port El Kantaoui come “in Tunisia senza lacrime … artificiali, senz’anima, anche anemici”.

Nel 2015, 39 persone sono state uccise quando un uomo armato terrorista solitario ha aperto il fuoco in due alberghi ( 2015 attacchi Sousse ). Questo è il peggior attacco nella storia recente della Tunisia, dal momento che larivoluzione tunisina del 2010-2011. La maggior parte delle vittime erano turisti.

Port El Kantaoui

Hammamet

Hammamet

Hammamet è una città della Tunisia. Località costiera situata a sud-est di Cap Bon, sul golfo omonimo, nel Governatorato di Nabeul, è la principale località turistica del paese. La popolazione varia durante l’anno a causa delle presenze turistiche da 20.000 a 70.000 persone.

La città, fondata durante l’epoca romana, è stata meta di numerosi turisti celebri, fra i quali illustri politici come Winston Churchill, e scrittori come Gustave Flaubert.

In Italia è nota principalmente perché nel 1994 vi si rifugiò Bettino Craxi, sfuggendo ad un mandato di cattura italiano e morendovi poi nel 2000. La tomba dello storico leader socialista è nel cimitero della città.

Nella Marina Hammamet si tiene annualmente il festival musicale Night in Tunisiana.

Hammamet

Korba

Korba

Korba è una città costiera della Tunisia sita nei pressi di Capo Bon e appartenente al governatorato di Nabeul. La città conta 34.807 abitanti nel 2004 ed è un importante centro turistico della regione assieme alle vicine Nabeul e Hammamet.

Korba corrisponde all’antica città romana di Curubis.

Nel 1931 vi fu costruito il primo ponte ad arco della Tunisia.

Korba

Djerba

Djerba

Gerba, è la più grande isola del Nordafrica (514 km²), situata nel golfo di Gabès di fronte alle coste della Tunisia. Il clima è di tipo subtropicale con una media di 24 gradi centigradi durante tutto l’anno, il mare si presenta pressoché caldo. Il suo capoluogo è la cittadina di Houmt Souk, che ha circa 65.000 abitanti.

Agli inizi del XX secolo, l’isola di Gerba aveva 40.000 abitanti, tra cui diverse centinaia di Maltesi cattolici, che si guadagnavano da vivere con la pesca delle spugne.

È una delle poche località della Tunisia in cui ancora si parli il berbero (nel villaggio di Guellala [berb. Iqellalen] e, parzialmente, in quelli vicini di Sedouikech [berb. Azdyush] e di Adjim).

L’isola è nota per essere un centro della setta kharigita ibadita della religione islamica, ed è anche nota per la sua minoranza ebraica, che abita sull’isola da secoli (o addirittura da millenni), anche se la sua popolazione si è andata molto riducendo dalla metà del XX secolo. La Ghriba è una delle sinagoghe più antiche e famose del mondo.

Gerba è una destinazione turistica, soprattutto per turisti francesi, tedeschi e italiani.

Djerba

Sal

Sal

Ilha do Sal (o semplicemente Sal) è un’isola dell’arcipelago di Capo Verde. Il suo nome significa Isola del Sale. Come molte altre isole dell’arcipelago il nome Sal divenne di uso comune solo dopo la scoperta e lo sfruttamento dei depositi di sale da cucina (cloruro di sodio), subentrando all’originale Ilha Plana (isola piatta) con cui venne battezzata quando venne scoperta nel dicembre del 1460.

L’isola ha un’estensione totale di 216 km², e si presenta con un profilo altimetrico praticamente piatto, tranne che per alcune piccole colline nella zona nord, resti di antichi vulcani, allungandosi per 30 km nella sua aridità in un mare blu cobalto dai toni spettacolari.

Ilha do Sal