Seleziona una pagina

Monastir in arabo‎, al-munastîr, (dal latino monasterium), è una città della Tunisia che si trova sulla estremità meridionale del Golfo di Hammamet, a circa 160 km a sud di Tunisi. Capoluogo del governatorato omonimo, è uno dei principali centri del Sahel tunisino.

Nel luogo ove sorge oggi Monastir, nel I millennio a.C. i Fenici fondarono il porto di Rous Penna. Nel 146 a.C. con la sconfitta di Cartagine dopo la Terza guerra punica, i Romani presero il controllo della città che fu rinominata Ruspina. Nel periodo della dominazione romana furono edificate le mura di cinta e le terme di cui restano ancora le tracce. Durante la guerra civile tra Cesare e Pompeo fu teatro di un’importante battaglia, la Battaglia di Ruspina, combattuta il 4 gennaio del 46 a.C., fra le forze di Giulio Cesare e un esercito pompeiano guidato da Tito Labieno. In quella occasione Cesare fu sconfitto e perse quasi un terzo del suo esercito.

Dopo la conquista araba Monastir è stata una delle città costiere sviluppate dagli Aghlabidi durante il IX secolo. La città contiene i resti di tre ribat, di cui il più importante è il grande ribat di Harthma ibn A’iyan costruito nel 796 d.C. con funzioni militari e religiose. Gli Ottomani rafforzano ulteriormente la città facendone una loro roccaforte.

Monastir