Seleziona una pagina
Lalibela

Lalibela

Lalibela è una città nel nord dell’Etiopia famosa per le chiese monolitiche scavate nella roccia. Lalibela è una delle città più sacre dell’Etiopia, seconda solo ad Axum, e un centro di pellegrinaggi. A differenza di Axum la popolazione di Lalibela è quasi completamente cristiana ortodossa etiope. L’Etiopia fu una delle prime nazioni che adottarono ilcristianesimo nella prima metà del IV secolo, e le sue radici storiche risalgono al tempo degli Apostoli.

È generalmente accettato, in particolare dal clero etiope, che la configurazione e i nomi dei principali edifici di Lalibela siano una rappresentazione simbolica di Gerusalemme. Questo ha indotto alcuni esperti a datare le forme delle chiese attuali agli anni successivi alla conquista di Gerusalemme da parte del Saladino nel 1187.

Lalibela è situata nella Zona Semien Wollo della Regione degli Amara a circa 2.500 metri sul livello del mare. È la città principale del Woreda.

Lalibela

Parco nazionale del Semien

Parco nazionale del Semien

Il Parco nazionale del Semièn è uno dei parchi nazionali che si trovano in Etiopia. Si trova nella provincia di Semien Gondar, nella regione degli Amhara; ha un territorio prevalentemente montuoso che comprende i monti Semien, tra cui il Ras Dascian, la più alta vetta d’Etiopia e la quarta dell’Africa.

Il parco ospita un gran numero di specie animali e vegetali, molte delle quali endemiche e in pericolo; si possono citare fra le altre il lupo d’Abissinia, il babbuino Gelada e lo stambecco del Semièn.

Nel 1978 il parco nazionale Semièn è stato inserito nell’elenco dei Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO. A causa di un drastico calo nella popolazione delle specie native della regione, nel 1996 è stato inserito nella lista dei Patrimoni mondiali in pericolo.

Parco nazionale del Semien

Addis Abeba

Addis Abeba

Addis Abeba, è la capitale dell’Etiopia e dell’Unione Africana con 3 273 000 abitanti stimati a luglio 2015. Nella città convivono 80 nazionalità e lingue diverse, con comunità religiose cristiane, musulmane ed ebraiche.

Addis Abeba venne fondata dall’imperatore Menelik II, come sua nuova capitale. Prima della fondazione di Addis Abeba, numerosi siti nelle vicinanze funsero da capitali temporanee del regno di Scioa: Wechecha, Yerrer, Entoto e soprattutto Ankober: quest’ultima, posta a 160 km a nord di Addis Abeba e capitale durante la seconda metà del XVIII secolo, presenta ancora le rovine del palazzo reale, poste sul ciglio di una grande scarpata famosa per il suo panorama. Menelik, Negus dello Scioa, riteneva il monte Entoto un’importante base strategica per condurre operazioni militari nella parte meridionale del suo regno e, nel 1879, visitò le rovine di una città medievale e di una chiesa rupestre incompiuta, testimonianze di attività precedenti alle campagne di Ahmad Gragn.

Addis Abeba