Seleziona una pagina
Skye

Skye

L’isola di Skye (in inglese Isle of Skye, in gaelico scozzese An t-Eilean Sgithanach o Eilean a’ Cheò) è un’isola del Regno Unito, appartenente allaScozia e facente parte dell’arcipelago delle Ebridi interne. Con una superficie di 1.656 km² è la maggiore dell’arcipelago. Le sue penisole si originano da un centro montagnoso dominato dai Cuillins, pendenze rocciose che caratterizzano fortemente il paesaggio dell’isola.Nonostante alcuni abbiano suggerito che il nome gaelico Sgitheanachdescriva una forma alata, non vi sono certezze riguardo all’origine del nome dell’isola.

L’isola è abitata sin dal mesolitico e la sua storia comprende un periodo di dominio norreno, e un lungo periodo di dominazione da parte del Clan MacLeod e del Clan Donald. L’insurrezione giacobita del XVIII secolo portò alla fine del sistema dei clan e condusse alle successive Clearances, che sostituirono interi terreni agricoli con allevamenti di pecore, il che obbligò molti all’emigrazione verso terre lontane. Il numero dei residenti scese dagli oltre 20.000 all’inizio del XIX secolo fino a oltre 9.000 nell’ultimo decennio del XX secolo. La popolazione di Skye crebbe del 4% tra il 1991 ed il 2001. Circa un terzo dei residenti del 2001 erano di lingua gaelica scozzese e, anche se il loro numero è in discesa, questo aspetto della cultura dell’isola rimane importante.